varicocele sintomi cura

Varicocele, cos’è, i sintomi e come curarlo

Come si manifesta il varicocele? E quali sono le cure meno invasive per trattarlo? Vediamo come affrontare una delle più frequenti patologie dell’apparato genitale maschile.

 

Il varicocele, di cosa stiamo parlando?

Il varicocele è una patologia che colpisce l’apparato genitale maschile e in una piccola percentuale di casi quello femminile. Il circolo venoso del testicolo (più frequentemente quello sinistro) è caratterizzato da dilatazione ed incontinenza che determinano un aumento di temperatura tale da rendere sfavorevole una normale spermatogenesi. Quando il varicocele si manifesta nella donna si parla di varicocele pelvico e a dilatarsi è la vena utero-ovarica.

Il varicocele, quali sintomi?

Allo stadio iniziale la patologia è asintomatica, invece quando raggiunge lo stadio avanzato si manifesta con questi sintomi:

  • dolore a carico del testicolo dopo un
    esercizio, in posizione eretta per molto tempo;
  • dolore a carico del testicolo dopo un rapporto sessuale;
  • il dolore può causare difficoltà erettili

Se manifestate un sintomo dovete accertarvi del “grado” del varicocele prenotando una visita specialistica, dove con una Eco Color Doppler scrotale e un esame del liquido seminale si valuta la condizione delle vene e l’attività del liquido seminale.  Il varicocele può essere di diversi gradi, il quarto grado è quello che può avere maggiori ripercussioni sulla fertilità dell’individuo.

 

 

Il varicocele, come curarlo?

I pazienti possono essere trattati con e senza intervento chirurgico, che può usare metodi di chirurgia tradizionale o di microchirurgia. Il trattamento meno invasivo è quello radio-urologico, che viene effettuato iniettando una sostanza sclerosante allo scopo di ostruire la vena o le vene refluenti.

I pazienti possono anche scegliere di non trattare il varicocele, se esso non provoca un danno rilevante al liquido seminale e non compaiano disturbi dolorosi.

Il varicocele è una patologia che può insorgere fin dalla pubertà per questo motivo è importante in questa fascia d’età effettuare un controllo, perché prima si interviene migliori saranno i risultati per il mantenimento o il recupero della fertilità. Si consiglia una visita di controllo all’inizio della pubertà (13-14 anni), durante la pubertà (15-16 anni) e al termine di essa (18 anni).

Prenota una visita presso il nostro ambulatorio di Urologia