Ricerca “Beauty Confidence e Autostima”, le Italiane fra le più insicure al mondo

Siamo fra le più insicure al mondo: è il risultato emerso dalla ricerca “Beauty Confidence e Autostima”, realizzata in collaborazione con Edelman Intelligence in 17 Paesi europei ed extraeuropei tra cui l’Italia.Peggio di noi ci sono solo le Giapponesi, ma i dati fanno riflettere: 3 donne e ragazze italiane su 4 dichiara di avere un autostima media o bassa, 8 donne su 10 evitano di partecipare a manifestazioni pubbliche per la paura di non apparire perfette e di attrarre critiche e addirittura 8 donne su 10 non tengono abbastanza in considerazione il loro corpo, tanto da non effettuare i controlli clinici di routine.

In Italia il progetto prevede un programma formativo integrato, con workshop realizzati in collaborazione con l’associazione Fondo Scuola Italia e con materiali a supporto sia delle scuole che delle famiglie, fruibili gratuitamente dal web.

Autostima: che cos’è

Con la parola “autostima” s’intende la capacità di avere un buon rapporto con se stessi, che permette di essere una base di partenza per relazionarsi al meglio con gli altri.

Nell’accezione corrente, l’autostima si conquista auto-attribuendosi valori e qualità “tipici di un vincente”, cioè dicendosi di continuo: “sei forte, ce la puoi fare”, quindi dal convincersi di essere bravi per avere una buona percezione di sé, sforzandosi di aderire a dei modelli esterni lontani da noi.

In realtà la parola autostima deriva dall’unione di due parole: dal greco autos che significa se stesso e dal latino aestimare (estimare) “dare un valore” probabilmente derivato di aes ‘rame, bronzo, denaro’; perciò significa letteralmente “dare valore a se stesso”.

Autostima femminile

Perciò avere autostima significa piacersi e ad accettarsi così come si è, vivendo appieno il presente, accogliendo tutti gli stati dell’interiorità e le trasformazioni del proprio corpo.

Fra le cause evidenziate della nostra bassa autostima, c’è la pressione sociale sempre più forte verso ideali irrealizzabili di bellezza: una ragazza su due sostiene di sentirsi obbligata ad essere sempre bella, nonostante 7 ragazza su 10 ed 8 donne su dieci siano consapevole delle alterazioni delle immagini presenti sui media e sui social.

Inoltre il confronto con questi modelli genera pressione sul proprio modo di essere che incide sull’insoddisfazione generale della propria vita, che raggiunge il massimo nell’adolescenza fra i 14 ai 17 anni.

Sul fronte della personalità, più del 50% delle donne e ragazze pensano di non poter mai dimostrare debolezza né sbagliare; inoltre due donne su tre sono pressate dal dover “essere e fare tutto” ovvero di dover forzatamente raggiunger tutti gli obiettivi. Questo dipende anche dal retaggio culturale, dalle difficoltà che incontrano le donne sui luoghi di lavoro e da certi luoghi comuni duri a morire sulle donne (uno fra tutti: donna al volante pericolo costante, nonostante siano gli uomini ad avere più incidenti al volante).

Autostima femminile: cosa accade quando è alta

Le cose però si ribaltano quando una persona ha un’alta autostima, convivendo bene col proprio corpo e abbracciando la propria unicità; sempre da questo studio, quando una donna ha una percezione di sé e della propria immagine positiva, emergono i dati più interessanti: l’83% di donne con alta autostima si sente positiva nei confronti della vita, contro il contro il 63% delle donne con bassa autostima; il 78% delle donne con alta autostima si apprezza di più (contro il 63% delle donne con bassa autostima).

Inoltre la ricerca evidenzia come le donne e le ragazze vedano le rappresentanti dello stesso sesso. Il 71% delle donne ed il 63% delle ragazze pensano che le donne non siano davvero consapevoli di quanto siano realmente belle e l’81% delle ragazze e l’87% delle donne crede che essere uniche sia più importante che allinearsi all’immagine delle altre persone.

Perchè è importante l’autostima

Non possiamo decidere se siamo “ok” è usando la ragione o tracciando dei bilanci:  parametri assoluti per stabilire quanto valiamo non esistono. L’autostima perciò corrisponde al diverso atteggiamento mentale, basato sulla consapevole accettazione di ciò che siamo adesso, in questo preciso istante.

Stare però nel presente, vivere senza rimpianti per quello che si è fatto o non fatto in passato, senza frustrazione per quello che ancora non si è riuscito a realizzare non è facile.

Però per chi vuole arrivare a stare meglio con se stesso, specie se ha subito un trauma o sta vivendo un cambiamento importante può effettuare un percorso di psicologia e psicoterapia per migliorare e stare meglio con se stessi di giorno in giorno.

Accettando quello che si è, si arriva a conoscere gioie inaspettate, ottenendo poi ciò che davvero si desidera. Come stare bene con sé stessi.

Desideri maggiori informazioni sull’autostima ed il nostro ambulatorio di psicologia e psicoterapia? Contatta la nostra struttura convenzionata con il SSN per effettuare gli esami necessari e farti seguire da un medico specializzato.